La regina Eleonora di Aquitania

Eleonora nacque nel 1112 a Bordeaux e venne allevata nella corte d’Aquitania, una delle più raffinate in quel secolo. Ricevette un’educazione da nobile.

Verso il 1130 ereditò i ducati d’Aquitania e Guascogna, due tra i più importanti di tutto il regno.

Nel 1137 si sposò con Luigi dei Cappetingi nonché futuro re di Francia Luigi VII.

In quegli anni papa Eugenio III predicava per dare inizio alla prima crociata ed infatti, nel 1147, Eleonora si recò col marito a Bisanzio.

Eleonora e Luigi avevano alcune difficoltà all’interno del matrimonio, il quale venne annullato nel 1152. Quello stesso anno Eleonora si risposò con Enrico Plantageneto, re d’Inghilterra. Negli anni successivi ebbe otto figli, i quali, sostenuti dalla madre, si rivoltarono contri il padre dopo che ebbe fatto assassinare Thomas Becket, capo della chiesa in Inghilterra. La rivolta contro Enrico Plantageneto fu inizialmente guidata da Enrico il Giovane, però, dopo la sua morte sarà il fratello Riccardo, conosciuto come Cuor di Leone, a portare avanti la rivolta contro il padre.

Eleonora rimase prigioniera del marito per vent’anni fino alla morte di lui, avvenuta nel 1189. Successivamente si ritirò in un monastero doppio a Fontevrault, dove le donne comandavano sugli uomini.

Riccardo Cuor di Leone

Il figlio Riccardo prese parte alla terza crociata e si distinse come guerriero, ma fu ferito e morì nel 1199. Eleonora riuscì a raggiungerlo appena in tempo per dargli un ultimo saluto.

Eleonora, ormai ottantenne, attraversò i Pirenei per andare a trovare l’ultima figlia che le rimaneva in vita: Eleonora di Castiglia. Alla corte di Castiglia scelse Bianca, una sua nipote, da dare in sposa al futuro re di Francia.

In seguito Eleonora tornò a Fontevrault dove morì nel 1204.

di Anna Martini, 3G